Principale Cibo Qual è la differenza tra macarons e amaretti?

Qual è la differenza tra macarons e amaretti?

Macarons e amaretti: i loro nomi sono quasi gli stessi, ma queste confezioni, che condividono un antenato comune, si sono evolute in due biscotti completamente diversi.

Il nostro più popolare

Impara dai migliori

Con più di 100 classi, puoi acquisire nuove abilità e sbloccare il tuo potenziale. Gordon Ramsaycucinare io Annie LeibovitzFotografia Aaron SorkinSceneggiatura Anna WintourCreatività e leadership deadmau5Produzione di musica elettronica Bobbi BrownTrucco Hans ZimmerColonne sonore Neil GaimanL'arte della narrazione Daniel NegreanuPoker Aaron FranklinBarbecue stile texano Misty CopelandBalletto Tecnico Thomas KellerTecniche di cottura I: verdure, pasta e uovaIniziare

Vai alla sezione


Macaron vs amaretti: qual è la differenza?

Macarons e amaretti si differenziano per il loro ingrediente principale, che per i macarons è la farina di mandorle e gli amaretti sono il cocco grattugiato.



I macarons parigini sono fatti con una pastella di farina di mandorle macinata, albumi e zucchero a velo che si gonfia per formare un biscotto dalla superficie liscia con un centro cavo e un piede caratteristico. Queste ariose meringhe alle mandorle vengono quindi trasformate in biscotti sandwich ripieni di ganache, marmellata o crema al burro e raffreddati, ottenendo un centro gommoso e una superficie simile a un guscio. I macarons sono disponibili in innumerevoli gusti e colori.

Gli amaretti al cocco sono fatti di cocco grattugiato tenuto insieme da albumi e zucchero semolato. Hanno una superficie ruvida e un interno gommoso e sono spesso immersi nel cioccolato.

Macarons e amaretti sono correlati?

Sia i macarons che gli amaretti sono discendenti dell'amaretto OG, un biscotto italiano a base di mandorle tritate, albumi e zucchero. Senza farina, entrambe le versioni sono senza glutine e senza lievito.



Da dove vengono i macarons e gli amaretti?

I primi biscotti di meringa alle mandorle probabilmente ebbero origine nell'Italia meridionale, dove le mandorle furono introdotte dagli Arabi nell'VIII secolo. Gli amaretti alle mandorle divennero particolarmente popolari nella cucina ebraico-italiana, poiché i biscotti azzimi potevano essere mangiati per la Pasqua ebraica. Gli amaretti alle mandorle probabilmente arrivarono in Francia intorno al XVI secolo, forse introdotti da Caterina de' Medici, o monache itineranti. Quando il cocco essiccato divenne ampiamente disponibile negli Stati Uniti e in Europa nel 19° secolo, i fornai scoprirono che potevano scambiare le mandorle con il cocco per fare un biscotto più robusto con una durata di conservazione più lunga. Il biscotto di meringa alle mandorle più famoso del mondo, il macaron parigino, non è stato sviluppato fino al XX secolo, quando è diventato un appuntamento fisso nelle pasticcerie di fascia alta come Ladurée.

Dominique Ansel insegna i fondamenti della pasticceria francese Gordon Ramsay insegna a cucinare I Wolfgang Puck insegna a cucinare Alice Waters insegna l'arte della cucina casalinga

Perché le persone confondono sempre i due?

La parola inglese amaretto in realtà viene dal francese amaretto , che a sua volta è una traduzione della parola italiana maccarone . Il cocco ha dominato la scena dei macaron negli Stati Uniti per così tanto tempo che non importava che questi due biscotti avessero nomi così simili, fino a circa un decennio fa, quando il macaron parigino è esploso in popolarità. Ora, è facile confondere i due, con alcuni fornai americani che traducono il biscotto sandwich alle mandorle in inglese e altri che si attengono all'ortografia francese originale. Lo stesso problema non si presenta in Francia, dove gli amaretti al cocco sono conosciuti con un nome completamente diverso: rocce di cocco .

Scopri di più sui fondamenti della pasticceria francese con lo chef Dominique Ansel qui.