Principale Musica Che cos'è il jazz libero?

Che cos'è il jazz libero?

Il free jazz nasce da un principio di base, con cui la maggior parte dei musicisti (e in effetti, la maggior parte degli artisti) ha familiarità: impara le regole e poi infrangile. Come il movimento d'avanguardia nelle arti visive, il free jazz è stato un tentativo di rompere con le tradizioni del jazz e creare qualcosa di completamente nuovo. Man mano che i musicisti jazz diventavano più a loro agio con l'improvvisazione, emerse un nuovo suono: sperimentale, non ortodosso e ribelle.

Vai alla sezione


Herbie Hancock insegna jazz Herbie Hancock insegna jazz

Impara a improvvisare, comporre e sviluppare il tuo suono attraverso 25 lezioni video.



Per saperne di più

Che cos'è il jazz libero?

Il movimento free jazz si è sviluppato negli anni '60 come rifiuto delle strutture musicali convenzionali: cose come melodia, armonia e progressioni di accordi. A causa del suo elemento dominante di sperimentazione, il free jazz sfida la caratterizzazione. Il free jazz è il più delle volte suonato principalmente da individui o piccoli gruppi, che praticano l'improvvisazione collettiva. Ci sono state anche alcune band free jazz.

I musicisti free jazz si permettono di 'diventare primitivi', in altre parole, tornare a una forma di jazz più selvaggia e più libera che rende omaggio alle radici religiose del jazz. Il free jazz trae ispirazione anche da altri generi musicali, dalla contemporanea alla world music. I musicisti free jazz spesso sperimentano strumenti insoliti di altre culture o, a volte, semplicemente inventano i propri. Ad esempio, il grande John Coltrane, sassofonista jazz americano e pioniere del movimento free jazz, a volte usava un flauto durante le sue esibizioni dal vivo.

Storia del Free Jazz

Le radici del free jazz risalgono al jazz club Five Spot di New York a Bowery. Secondo la storia, un sassofonista contralto di nome Ornette Coleman entrò nel club nel 1959 e iniziò a suonare jazz a mano libera con il suo sassofono di plastica. Coleman chiamò il suo nuovo stile free jazz e pubblicò un album, Free Jazz (1960), da cui il movimento prende il nome.



Come con la maggior parte dei movimenti d'avanguardia, il free jazz all'inizio rimase in disparte. I grandi influenti erano divisi sui meriti del nuovo genere: Miles Davis e l'influente trombettista jazz Roy Eldridge si tenevano a distanza, mentre il compositore Leonard Bernstein considerava Coleman un genio. Ma quando lo spirito ribelle degli anni '60 ha preso piede, le opinioni sono cambiate. I sassofonisti John Coltrane ed Eric Dolphy furono tra i primi a seguire Coleman; furono presto raggiunti dal pianista Cecil Taylor e Albert Ayler, il cui stile free jazz trasse ispirazione dalla musica gospel.

Presto, gli individui hanno lasciato il posto a gruppi di jazz libero, che hanno contribuito a dare legittimità al genere. Il pianista e compositore Sun Ra dirigeva la sua big band di free jazz nel suo stile anticonformista, mentre gruppi come l'Art Ensemble di Chicago trovarono più successo in Europa, dove il free jazz era ampiamente accettato, grazie in gran parte a musicisti tedeschi e britannici come il sassofonista Evan Parker.

Herbie Hancock insegna Jazz Usher insegna l'arte della performance Christina Aguilera insegna canto Reba McEntire insegna musica country

Caratteristiche comuni del Free Jazz

A differenza di altre forme di jazz che sono strutturate intorno a un quadro, come il blues a 12 battute, la chiave del free jazz è l'improvvisazione. Detto questo, ci sono alcune caratteristiche che sono venute a definire lo stile nel corso dei decenni.



  • L'uso di strumenti diversi. Gli strumenti più comuni nel jazz sono pianoforte, sassofono, basso e batteria. I musicisti free jazz iniziarono a sperimentare strumenti come violini, clarinetti, flauto e altri strumenti a percussione. Gli strumenti più insoliti utilizzati nel free jazz includono arpa, ukulele e persino cornamuse.
  • Cicli di accordi diatonici. A volte, i musicisti free jazz usano cicli di accordi diatonici, accordi derivati ​​dalle note di una chiave. Quindi è possibile distinguere una certa influenza del primo jazz nel free jazz, ma i migliori musicisti free jazz sono abili nel sospendere questi schemi o invertire la loro sequenza per produrre qualcosa di veramente nuovo.
  • Un'espressione di emozione. Come altre forme di jazz, il free jazz è più un'espressione di emozioni che la realizzazione di una complessa struttura armonica. Come crede il musicista jazz, pianista e compositore premio Oscar e Grammy, Herbie Hancock, si tratta dell'atto semplice ma spesso difficile di comunicare la propria esperienza umana agli altri.
  • Ritmi spostati. Improvvisare su frasi spostate può essere complicato, ma può anche sbloccare un'ispirazione sorprendente. Spostare i ritmi significa spostare le frasi musicali per atterrare prima o dopo dove l'orecchio è abituato a sentirle. Questo conferisce al pezzo un suono inaspettato e lo rende emozionante da ascoltare e suonare.
  • Suonare da solista. Per molti musicisti free jazz, suonare da soli consente un livello di libertà impossibile da raggiungere quando si suona con un gruppo. I musicisti solisti non devono attenersi a un certo tempo o chiave; possono modificare la forma di una canzone a piacimento, ripetere parti che non devono essere ripetute o lasciare fuori parti intere.

MasterClass

Consigliato per te

Lezioni online tenute dalle più grandi menti del mondo. Amplia le tue conoscenze in queste categorie.

Herbie Hancock

Insegna Jazz

Scopri di più

Insegna l'arte della performance

Scopri di più Christina Aguilera

Insegna a cantare

Scopri di più Reba McEntire

Insegna musica country

Per saperne di più

Cinque famosi artisti e interpreti di free jazz

Pensa come un professionista

Impara a improvvisare, comporre e sviluppare il tuo suono attraverso 25 lezioni video.

Visualizza classe
  1. Ornette Coleman. Coleman ha iniziato a suonare il sassofono contralto e tenore da adolescente a Los Angeles negli anni '50 e presto ha suonato in gruppi dance e rhythm and blues. Durante il giorno studia armonia mentre lavora come operatore di ascensori; di notte frequentava jazz club underground, suonando il suo economico sassofono contralto di plastica. A lui è attribuito lo sviluppo della cosiddetta teoria armolodica dell'improvvisazione: abbandonare schemi armonici e cambi di accordi a favore di uno stile improvvisativo che attaccasse più direttamente la melodia di una canzone.
  2. John Coltrane. Coltrane si è formato in clarinetto e sassofono contralto. All'inizio della sua carriera, era noto per gli assoli improvvisati influenzati dalla musica africana e indiana. Coltrane è passato al free jazz a tutti gli effetti tra il 1965 e la sua morte nel 1967, praticando un'improvvisazione più libera basata su scale prestabilite. Sebbene la sua incursione nel free jazz abbia diviso i critici, molti considerano questo periodo come uno dei più importanti della sua carriera.
  3. Cecil Taylor. Uno dei principali pianisti free-jazz, Taylor è stato influenzato da altri pianisti jazz come Duke Ellington, Thelonious Monk e Horace Silver. Un musicista avventuroso, Taylor guidava i suoi gruppi jazz in America a metà degli anni '50, ma veniva spesso ostracizzato per il suo stile libero. Come molti musicisti free jazz, Taylor ha trovato un'accoglienza più calorosa in Europa, dove ha collaborato con musicisti di improvvisazione come Evan Parker e Han Bennink.
  4. Eric Dolce. Una grande influenza sul free jazz, Dolphy spesso improvvisava su strumenti a fiato. Ha iniziato a suonare il clarinetto, l'oboe e il sassofono contralto a Los Angeles prima di unirsi alla big band di Roy Porter negli anni '40. Dopo essersi trasferito a New York negli anni '60, Dolphy ha collaborato con artisti del calibro di Charles Mingus e John Coltrane. È stato annunciato per aver introdotto sia il flauto che il clarinetto basso nell'improvvisazione jazz libera, consentendo ad altri artisti di trovare nuovi modi di espressione musicale.
  5. Albert Ayler. Il sassofonista tenore ha iniziato a suonare con suo padre in chiesa prima di andare in tournée con gruppi rhythm-and-blues da adolescente. Dopo un periodo in cui suonava il sassofono tenore in bande dell'esercito degli Stati Uniti, iniziò lentamente ad espandersi, alienando le pratiche armoniche standard e sperimentando sempre di più con il free jazz.