Principale Musica Musica 101: cos'è un coro?

Musica 101: cos'è un coro?

Le canzoni di maggior successo in pop, rock, R&B, country, hip hop, reggae e innumerevoli altri generi tendono a condividere un tratto comune: musica accattivante e irresistibile che si attacca alla coscienza di un ascoltatore e non si lascia andare. Non importa se stai scrivendo una canzone d'amore o un inno hard rock: qualsiasi sezione di una canzone può presentare ritornelli orecchiabili, che si tratti di intro, strofa, pre-ritornello, ritornello, bridge o coda. Tuttavia, la maggior parte dei cantautori conserva le loro migliori frasi musicali per una parte particolare di una canzone: il ritornello.

Vai alla sezione


Usher insegna l'arte della performance Usher insegna l'arte della performance

Nella sua prima lezione online, Usher ti insegna le sue tecniche personali per affascinare il pubblico in 16 lezioni video.



Per saperne di più

Cos'è un coro nella musica?

Nella musica, un coro è una sezione ripetuta che contiene i motivi musicali e lirici primari della canzone. Nelle strutture di canzoni comuni, in genere viene ripetuto almeno due volte.

Qual è la differenza tra un coro e un ritornello?

In musica, non c'è differenza tra i termini coro e ritornello. Entrambi si riferiscono a una sezione ripetuta di una canzone che in genere contiene i suoi motivi musicali e lirici centrali. Pertanto, cantautori e direttori di band useranno i termini in modo intercambiabile, sebbene la parola coro tenda ad essere più comune nelle discussioni tra musicisti.

Come viene usato un coro nelle canzoni?

Le canzoni pop e rock presentano cori in una varietà di punti all'interno della struttura della canzone. Ecco alcuni esempi di dove il ritornello si inserisce nella struttura di una canzone:



  • All'inizio della canzone. Nella forma della canzone AABA, la sezione A è considerata il ritornello ed è la prima melodia principale che gli ascoltatori sentono. La forma AABA a 32 battute era particolarmente popolare durante la prima parte del ventesimo secolo, quando la maggior parte delle canzoni pop debuttavano come brani per spettacoli. Un esempio è I Got Rhythm di George & Ira Gershwin, che ha debuttato nello spettacolo di Broadway Ragazza pazza ed è diventato uno dei grandi standard della musica jazz. (Si noti che I Got Rhythm era originariamente una canzone di 34 battute, ma è tipicamente ridotta a 32 battute nelle esibizioni jazz.)
  • Dopo il primo verso. Molte canzoni utilizzano una forma ABAB, dove la sezione A rappresenta una strofa e la sezione B rappresenta il ritornello. Pensa al classico Hallelujah di Leonard Cohen (notoriamente interpretato da artisti del calibro di Jeff Buckley e Rufus Wainwright), che inizia con il verso, Beh, ho sentito che c'era un accordo sacro... che è seguito da un ritornello. La forma si ripete per molto tempo - Cohen ha scritto 80 versi - ma è quasi sempre abbreviata nell'esecuzione. Altri esempi includono Dancing in the Dark di Bruce Springsteen e Alive dei Pearl Jam. Il formato ABAB è estremamente popolare nell'hip hop, dove le strofe rappate lasciano il posto ai ritornelli cantati, che a loro volta lasciano il posto alla strofa rappata successiva. Nell'hip hop, la strofa e la musica del ritornello sono spesso le stesse (si pensi a California Love di 2Pac o Regulate di Warren G feat. Nate Dogg), ma le differenze nella melodia vocale producono sezioni distinte.
  • Prima di un verso, ma alternando avanti e indietro. A volte i cantautori invertono la forma ABAB. She Said She Said dei Beatles contiene due sezioni che si alternano avanti e indietro, ma la prima di queste sezioni è chiaramente il ritornello. Anche la canzone Dancing Queen degli ABBA segue questa tecnica.
  • Dopo un pre-ritornello. Molti cantautori interpolano una sezione aggiuntiva, chiamata pre-ritornello, tra la strofa e il ritornello. Nella canzone degli Oasis Don't Look Back in Anger, la strofa e il ritornello hanno in realtà la stessa progressione di accordi, anche se con melodie vocali molto diverse. Sono interrotti da un pre-ritornello—Quindi inizio una rivoluzione dal mio letto…—con una progressione diversa, che crea un movimento propulsivo naturale nel ritornello inno di Così Sally può aspettare…
  • Salvato per la fine della canzone. Ad alcuni cantautori piace salvare il ritornello per la fine della canzone. Se sei un ascoltatore che ha già familiarità con la canzone, sai che il ritornello sta arrivando. L'attesa può essere straziante, ma la ricompensa è bella. Paul McCartney è un noto praticante di questa tecnica, come evidenziato nella canzone Hey Jude. Il primo successo dei Journey Lovin' Touchin' Squeezin' è un'altra pietra di paragone.
  • Per tutta la canzone. Il formato della canzone AAA contiene una singola sezione musicale ripetuta molte volte. Alcuni teorici musicali chiamano questa singola sezione A un ritornello, e altri la chiamano un verso. In ogni caso, comprende l'intera canzone, anche se con variazioni ogni volta che viene ripetuta. Gli esempi includono Standing in the Doorway di Bob Dylan e Coyote di Joni Mitchell.
Usher insegna l'arte della performance Christina Aguilera insegna a cantare Reba McEntire insegna musica country deadmau5 insegna produzione di musica elettronica

Cosa succede nel coro finale di una canzone?

Il ritornello finale di una canzone tende ad abbellire i ritornelli precedenti ascoltati in precedenza nella canzone. Spesso, questo ritornello finale sarà la coda di una canzone, che appare dopo un ponte in un formato strofa/ritornello/ponte.

Questi ritornelli finali hanno spesso più ripetizioni, a volte con le tracce strumentali che si staccano, portando a un finale catartico. In alcune registrazioni, un ritornello finale si ripeterà e svanirà costantemente nel silenzio, a significare la fine della canzone. Questa era una tecnica preferita del produttore Phil Spector, che ha realizzato molti successi con ritornelli in dissolvenza, come Be My Baby dei Ronettes.

Quali sono i diversi tipi di cori?

Nelle arti dello spettacolo, la definizione di coro varia ampiamente.



  • Un coro può essere un ensemble di performance musicali, come un gruppo di cantanti. Questi gruppi appaiono in una grande varietà di generi musicali. La musica religiosa ha caratterizzato i cori per millenni, dal canto gregoriano ai corali liturgici di Bach ai cori gospel del XX e XXI secolo. Alcuni gruppi pop dispongono di una sezione di cori di cantanti di sottofondo per supportare il cantante principale: pensa ai Supremes che sostengono Diana Ross o ai Vandellas che supportano Martha Reeves. La musica classica è anche piena di cori, come l'enorme coro vocale necessario per eseguire l'ottava sinfonia di Gustav Mahler, soprannominata la Sinfonia dei mille.
  • Nel dramma e nel teatro, un coro si riferisce a personaggi altrimenti senza nome che si esibiscono nel gioco. Questi gruppi di persone a volte parlano all'unisono, oa volte le loro linee sono divise tra gli individui. Questo risale ai teatri dell'antica Grecia. Nel dramma greco, i cori fornivano spesso commenti sull'azione in corso, avvertendo i personaggi principali del loro comportamento potenzialmente autodistruttivo o fornendo la prospettiva della gente comune nella società.
  • Nel teatro musicale, un coro combina i due stili di coro sopra menzionati. Nei teatri di Broadway di New York, molti spettacoli presentano gruppi vocali che cantano insieme in numeri musicali, ma forniscono anche un certo grado di prospettiva e commento nei testi che cantano. In questo modo, rappresentano sia la manifestazione greca antica che contemporanea di un coro.

MasterClass

Consigliato per te

Lezioni online tenute dalle più grandi menti del mondo. Amplia le tue conoscenze in queste categorie.

Usciere

Insegna l'arte della performance

Scopri di più Christina Aguilera

Insegna a cantare

Scopri di più Reba McEntire

Insegna musica country

Scopri di più deadmau5

Insegna produzione di musica elettronica

Per saperne di più