Principale Scrittura Come scrivere dal punto di vista in prima persona: cosa fare e cosa non fare

Come scrivere dal punto di vista in prima persona: cosa fare e cosa non fare

Il punto di vista è l'occhio attraverso il quale si racconta una storia. Il punto di vista in prima persona offre ai lettori una visione intima dell'esperienza di un personaggio.

Il nostro più popolare

Impara dai migliori

Con più di 100 classi, puoi acquisire nuove abilità e sbloccare il tuo potenziale. Gordon Ramsaycucinare io Annie LeibovitzFotografia Aaron SorkinSceneggiatura Anna WintourCreatività e leadership deadmau5Produzione di musica elettronica Bobbi BrownTrucco Hans ZimmerColonne sonore Neil GaimanL'arte della narrazione Daniel NegreanuPoker Aaron FranklinBarbecue stile texano Misty CopelandBalletto Tecnico Thomas KellerTecniche di cottura I: verdure, pasta e uovaIniziare

Vai alla sezione


James Patterson insegna a scrivere James Patterson insegna a scrivere

James ti insegna come creare personaggi, scrivere dialoghi e far voltare pagina ai lettori.



Per saperne di più

3 motivi per scrivere dal punto di vista in prima persona

Quando scrivi una storia, hai diversi punti di vista tra cui scegliere come terza persona limitata o onnisciente in seconda persona. Sebbene una scrittura in un punto di vista in terza persona o in seconda persona abbia certamente i suoi vantaggi, la narrazione in prima persona ha una capacità unica di fornire al lettore un posto in prima fila per la storia. Scrivere in prima persona può anche migliorare la tua scrittura nei seguenti modi:

  1. Il POV in prima persona dà credibilità a una storia . Il punto di vista in prima persona crea un rapporto con i lettori condividendo una storia personale direttamente con loro. Avvicinare il lettore in questo modo rende credibile una storia e un narratore. Dalla linea di apertura dell'epico racconto marino di Herman Melville, Moby Dick , il lettore è per nome con il narratore: Chiamami Ishmael. Questa familiarità crea un rapporto con il narratore, portando i lettori a credere che ciò che stanno per ascoltare sia una storia vera. Quando uno scrittore rompe quella fiducia narrativa portando i lettori fuori strada, attraverso un narratore che mente deliberatamente o una caratteristica del narratore che compromette la loro credibilità, è noto come narratore inaffidabile.
  2. POV in prima persona esprime un'opinione . Un narratore racconta una storia attraverso una lente filtrata dalle proprie opinioni. Nel POV in prima persona, l'uso del pronome I stabilisce un senso di familiarità tra lettore e narratore, consentendo allo scrittore di influenzare sottilmente il lettore raccontando una storia con un pregiudizio. Scout è il narratore di sei anni in Uccidere un Mockingbird e la storia è raccontata con l'innocenza e l'ingenuità della visione del mondo di un bambino. L'autore, Harper Lee, aveva diversi personaggi tra cui scegliere, ma raccontare questa storia sulla razza nel sud americano attraverso gli occhi di questo giovane personaggio costringe il lettore a esaminare e mettere in discussione le disuguaglianze di razza nello stesso modo in cui fa Scout.
  3. Il POV in prima persona crea intrighi . La prospettiva in prima persona limita l'accesso di un lettore alle informazioni. Sanno e sperimentano solo ciò che fa il narratore. Questo è uno strumento efficace per creare suspense e creare intrighi nelle storie, in particolare nei thriller o nei misteri. Ad esempio, John Watson è il narratore in quasi tutti i misteri di Sherlock Holmes di Sir Arthur Conan Doyle. Tenere Holmes, il protagonista e il personaggio principale, a distanza lo rende più interessante, ma permette anche al lettore di essere sorpreso quanto Watson quando Holmes finalmente risolve un caso. I lettori tendono a identificarsi con i personaggi che stanno imparando come loro.

Come scrivere dal punto di vista in prima persona

Una volta che hai deciso di scrivere la tua storia in prima persona, usa questi suggerimenti per guidare la tua voce narrante:

  1. Scrivi un'apertura come Melville . Fai sapere al lettore che stai usando subito una narrazione in prima persona come ha fatto Melville nella linea di apertura di Moby Dick con Chiamami Ismaele. Introduci la voce del narratore nei primi due paragrafi per creare un legame con i tuoi lettori fin dall'inizio.
  2. Rimani nel personaggio . Quando usi il pronome I, è facile scivolare fuori dalla voce del tuo personaggio e entrare nella tua come autore. Quando scrivi, rimani fedele alla voce del tuo personaggio POV.
  3. Crea un narratore forte . Rendi il tuo narratore in prima persona un personaggio interessante per far funzionare davvero la storia. Dai loro una voce forte e un solido retroscena che influenzi la loro prospettiva.
  4. Assicurati che i tuoi personaggi secondari siano forti . Quando scrivi in ​​prima persona al presente o al passato, è facile concentrarsi esclusivamente sul protagonista narrante. Tuttavia, è altrettanto importante dare al tuo narratore un vivace gruppo di personaggi secondari in grado di supportare, sfidare e illuminare i tratti del tuo protagonista. In Charlotte Bronte's Jane Eyre , uno dei motivi per cui la nostra narratrice è così avvincente è che ha un gruppo diversificato e dinamico di personaggi secondari con cui interagire.
James Patterson insegna scrittura Aaron Sorkin insegna sceneggiatura Shonda Rhimes insegna scrittura per la televisione David Mamet insegna scrittura drammatica

3 cose da evitare quando scrivi in ​​prima persona

Ecco alcune insidie ​​comuni da evitare quando si scrive in prima persona per la prima volta:



  1. Evita tag ovvi . In prima persona, evita le frasi che distolgono il lettore dai pensieri del personaggio, ad esempio ho pensato o mi sono sentito. Mentre uno dei vantaggi della scrittura in prima persona è sapere cosa sta pensando il narratore, non rimanere bloccato nella testa del personaggio. Vogliamo anche vedere attraverso i loro occhi, quindi usa il linguaggio visivo per mostrare al lettore il loro mondo.
  2. Non iniziare ogni frase con I. Iniziare ogni riga con I può diventare ripetitivo; varia le tue frasi illustrando pensieri o sentimenti. Invece di scrivere mi sentivo stanco di camminare nella neve profonda, prova La montagna era sepolta nella neve, facendo sembrare ogni passo un miglio.
  3. Il tuo personaggio principale non deve sempre raccontare . È facile presumere che il tuo protagonista dovrebbe essere il tuo narratore in una storia in prima persona, ma non dovrebbe essere sempre così. In prima persona periferica, il narratore è un testimone della storia, ma non è il personaggio principale. Nel Il grande Gatsby , F. Scott Fitzgerald ha creato il personaggio di Nick, che racconta la storia di Jay Gatsby che cerca di conquistare l'amore della cugina di Nick, Daisy. Raccontare la storia in questo modo mantiene l'attenzione sul protagonista ma crea anche una certa distanza, quindi il lettore non è al corrente dei propri pensieri o sentimenti. Narrare la storia in questo modo mantiene Gatsby come un personaggio misterioso e consente a Nick di raccontare la storia con un taglio, attingendo alla sua esperienza con Gatsby e alla sua opinione su di lui per colorare la narrazione. Considera i diversi personaggi del tuo romanzo o racconto e decidi quale personaggio in particolare dovrebbe raccontare la tua storia.

MasterClass

Consigliato per te

Lezioni online tenute dalle più grandi menti del mondo. Amplia le tue conoscenze in queste categorie.

James Patterson

Insegna a scrivere

Scopri di più Aaron Sorkin

Insegna sceneggiatura



Scopri di più Shonda Rhimes

Insegna a scrivere per la televisione

Scopri di più David Mamet

Insegna scrittura drammatica

Per saperne di più

Vuoi saperne di più sulla scrittura?

Diventa uno scrittore migliore con l'abbonamento annuale a MasterClass. Ottieni l'accesso a lezioni video esclusive tenute da maestri letterari, tra cui Neil Gaiman, Margaret Atwood, David Baldacci, Joyce Carol Oates, Dan Brown e altri.