Principale Scienza E Tecnologia Guida alla plastica biodegradabile: esplora i pro, i contro e gli usi

Guida alla plastica biodegradabile: esplora i pro, i contro e gli usi

Quando gli scienziati hanno inventato la plastica, è stata elogiata per essere eccezionalmente resistente, non per rompersi naturalmente come la materia organica. Tuttavia, negli anni '60, i ricercatori hanno iniziato a preoccuparsi che la natura durevole della plastica fosse un grave problema che contribuisce alle discariche e all'inquinamento degli oceani. Negli anni '80, gli scienziati hanno offerto una nuova soluzione all'inquinamento da plastica: la plastica biodegradabile.

Vai alla sezione


La Dott.ssa Jane Goodall insegna Conservazione La Dott.ssa Jane Goodall insegna Conservazione

La dottoressa Jane Goodall condivide le sue intuizioni sull'intelligenza animale, la conservazione e l'attivismo.



Per saperne di più

Cos'è la plastica biodegradabile?

La plastica biodegradabile (o polimero biodegradabile) è un composto sintetico che può decomporsi nel tempo attraverso gli organismi viventi, scomponendosi infine in acqua, anidride carbonica e materiale residuo chiamato biomassa. La capacità della plastica biodegradabile di degradarsi naturalmente entro un lasso di tempo organico la rende unica rispetto ad altre plastiche, che possono richiedere centinaia o migliaia di anni per rompersi. Esistono diversi tipi riconosciuti di plastica biodegradabile, inclusi i poliidrossialcanoati (PHA), l'acido polilattico (PLA), le miscele di amido vegetale (come l'amido di mais) e le plastiche a base di cellulosa.

Qual è la differenza tra plastica biodegradabile, bioplastica e compostabile?

Ci sono alcune differenze notevoli tra plastica biodegradabile, bioplastica e plastica compostabile:

  • Plastica biodegradabile si riferisce a qualsiasi plastica che può degradarsi naturalmente attraverso gli organismi viventi, indipendentemente dal materiale originale da cui deriva. La plastica può essere biodegradabile senza essere una bioplastica o essere considerata plastica compostabile.
  • Bioplastica è un termine che descrive qualsiasi plastica prodotta da materie prime naturali rinnovabili. Mentre alcune bioplastiche sono biodegradabili o compostabili, molte di esse non lo sono, il che significa che non si decompongono anche se sono realizzate con materiali naturali.
  • Plastica compostabile è un termine che descrive le materie plastiche che necessitano di condizioni specifiche per abbattere, piuttosto che le condizioni meno complesse delle plastiche biodegradabili. Mentre la plastica biodegradabile può degradarsi in un ambiente più naturale, la plastica compostabile di solito richiede impianti di compostaggio industriale.
La dottoressa Jane Goodall insegna conservazione Chris Hadfield insegna esplorazione spaziale Neil deGrasse Tyson insegna pensiero scientifico e comunicazione Matthew Walker insegna la scienza del sonno migliore

Quanto tempo impiega la plastica biodegradabile a decomporsi?

In generale, le plastiche biodegradabili impiegano dai tre ai sei mesi per decomporsi se lasciate esposte all'ossigeno o alla luce. La plastica normale può impiegare fino a 1.000 anni per raggiungere gli stessi livelli di decomposizione.



Quali sono i vantaggi della plastica biodegradabile?

La capacità della plastica biodegradabile di rompersi entro un anno significa che presenta diversi vantaggi rispetto alle plastiche tradizionali:

cosa distingue un'ipotesi da una teoria?
  • Diminuisce i rifiuti inviati in discarica o inceneritori . Quando getti la plastica tradizionale nella spazzatura, ha un impatto ambientale negativo perché può finire nelle discariche, dove può rimanere potenzialmente per centinaia di anni, o negli inceneritori, dove verrà bruciata e rilasciare sostanze chimiche dannose nell'ambiente naturale. Al contrario, la plastica biodegradabile ha un vantaggio ambientale: si decompone in una discarica e non ha bisogno di essere bruciata.
  • Ci vuole meno energia per la produzione . La produzione di plastica biodegradabile spesso richiede meno energia rispetto alla plastica tradizionale, il che significa che richiede meno combustibili fossili e produce meno emissioni di gas serra che danneggiano il pianeta.
  • Rilascia meno sostanze nocive quando si scompone . Mentre le plastiche tradizionali possono rilasciare sostanze chimiche tossiche nell'ambiente mentre si siedono, le plastiche biodegradabili ben fatte dovrebbero rompersi con pochi sottoprodotti dannosi. Invece, la plastica biodegradabile rilascia una combinazione di acqua, anidride carbonica e biomassa (che spesso è semplicemente materiale vegetale avanzato).

MasterClass

Consigliato per te

Lezioni online tenute dalle più grandi menti del mondo. Amplia le tue conoscenze in queste categorie.

Dott.ssa Jane Goodall

Insegna Conservazione



Scopri di più Chris Hadfield

Insegna l'esplorazione dello spazio

Scopri di più Neil deGrasse Tyson

Insegna pensiero scientifico e comunicazione

Scopri di più Matthew Walker

Insegna la scienza del sonno migliore

Per saperne di più

Quali sono le preoccupazioni relative alla plastica biodegradabile?

Pensa come un professionista

La dottoressa Jane Goodall condivide le sue intuizioni sull'intelligenza animale, la conservazione e l'attivismo.

Visualizza classe

Sebbene il biodegradabile possa aiutare nel conflitto ambientale contro la plastica tradizionale, presenta alcuni inconvenienti:

  • Potrebbe non rompersi completamente . Mentre gli scienziati devono ancora determinare gli effetti della plastica biodegradabile, ci sono prove che alcuni tipi non si rompono completamente. Quando la plastica biodegradabile si decompone solo parzialmente, può essere ancora più dannosa per l'ambiente che se fosse rimasta intera poiché i pezzi più piccoli (chiamati microplastiche) diventano più difficili da pulire o identificare.
  • Può rilasciare sostanze nocive quando si scompone . Sebbene la plastica biodegradabile rilasci meno sostanze chimiche nocive durante la decomposizione, ciò non significa che sia innocua: alcuni tipi di plastica biodegradabile possono rilasciare sostanze nocive come metalli e metano.
  • Rafforza una mentalità monouso . La plastica biodegradabile rafforza l'idea dei materiali monouso, incoraggiando la produzione di rifiuti in eccesso come pratica sostenibile. Questa mentalità può avere conseguenze negative perché i consumatori possono rivolgersi alla plastica biodegradabile come la migliore soluzione per i problemi ambientali, rinunciando a pratiche più rispettose dell'ambiente come la vita a basso spreco, il riciclaggio, la priorità dei materiali organici e il compostaggio spreco di cibo . Impara di più riguardo riciclaggio nella nostra guida completa per principianti qui .
  • È costoso da produrre . La plastica biodegradabile è più costosa da produrre rispetto alla plastica tradizionale, il che rende difficile incoraggiare i produttori di plastica (senza incentivi) a passare alla plastica biodegradabile per i loro prodotti e imballaggi.

6 usi per la plastica biodegradabile

Scelto dalla redazione

La dottoressa Jane Goodall condivide le sue intuizioni sull'intelligenza animale, la conservazione e l'attivismo.

Mentre la plastica biodegradabile può, in teoria, sostituire quasi tutti gli usi per la plastica convenzionale, il suo costo più elevato impedisce a molti produttori di effettuare il passaggio. Tuttavia, incontri ancora plastica biodegradabile ogni giorno: cerca un'etichetta che descriva la plastica come biodegradabile. Le plastiche biodegradabili sono più comunemente usate per fare cose come:

  1. Imballaggio alimentare : I produttori possono realizzare imballaggi per alimenti biodegradabili con una vasta gamma di articoli, dai sottoprodotti del formaggio ai gusci di mandorle. I comuni prodotti in plastica biodegradabile includono contenitori da asporto, borse da asporto e tazze da caffè.
  2. Stoviglie usa e getta : Piatti, bicchieri e utensili in plastica biodegradabile sono facili da trovare sul mercato: alcuni hanno la consistenza della carta o del cartone, mentre altri si sentono più lisci come la plastica tradizionale.
  3. Buste di plastica : Ci sono molti sacchetti di plastica biodegradabili in circolazione, inclusi sacchetti per la spesa, sacchetti per la produzione e altri sacchetti monouso.
  4. Impacchettare le arachidi : Mentre le arachidi da imballaggio tradizionali erano realizzate in polistirene non biodegradabile, ora sono disponibili molte arachidi da imballaggio a base di amido che sono biodegradabili.
  5. vasi per piante : Molte aziende ora confezionano le loro piante in contenitori biodegradabili, il che significa che l'imballaggio può essere piantato direttamente nel terreno e si decomporrà naturalmente nel terreno.
  6. Prodotti medici : Molti materiali medici come le suture chirurgiche e le medicazioni per ferite sono realizzati in materiale biodegradabile, quindi si degradano naturalmente senza bisogno di una tecnica invasiva per rimuovere il materiale dopo che il paziente è guarito.

Per saperne di più

Ottenere il Abbonamento annuale MasterClass per l'accesso esclusivo a lezioni video tenute da luminari della scienza, tra cui Jane Goodall, Neil deGrasse Tyson, Chris Hadfield e altri.